• Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Slide Title

    Write your caption here

    Button

STAGNO

Lo stagno è un elemento chimico  nella tavola periodica  che ha simbolo Sn e numero atomico  50. Questo metallo di post-transizione argenteo e malleabile, che non si ossida  facilmente all'aria e resiste alla corrosione , si usa in molte leghe  e per ricoprire altri metalli più vulnerabili alla corrosione. Lo stagno si ottiene soprattutto dalla cassiterite , un minerale  in cui è presente sotto forma di ossido , e dalla stannite . Lo stagno è un metallo malleabile e molto duttile bianco argenteo, con una struttura cristallina particolare che provoca uno stridio caratteristico quando una barra di stagno viene piegata (il rumore  è causato dalla rottura dei cristalli): se riscaldato, perde la sua duttilità e diventa fragile. Questo metallo resiste alla corrosione da acqua marina , da acqua distillata  e da acqua potabile , ma può essere attaccato da acidi forti , da alcali  e da sali acidi. Lo stagno agisce da catalizzatore  in presenza di ossigeno  disciolto nell'acqua e accelera l'attacco chimico. Lo stagno si lega facilmente col ferro  ed è stato usato in passato per rivestire piombo , zinco  e acciaio  per impedirne la corrosione. I contenitori, lattine e scatolette, in banda stagnata  (lamierino di acciaio stagnato) sono tuttora largamente usati per conservare i cibi, un uso che copre gran parte del mercato mondiale dello stagno metallico. Oltre alla forma metallica trovano largo impiego industriale diversi dei numerosi composti, organici ed inorganici, dello stagno IV.

 

I nostri semilavorati sono per il settore industriale in genere.

Share by: